cinque poesie per una donna antica

barcolliamo
per colpa dell’infinito
di cui siamo ubriachi.

*

l’amore tra noi è sempre stato un muro.
lo sfondo a testate,
giuro!

*

l’agonia che mi seduce.
il nero dei tuoi occhi
grande luce.

*

non c’è un miscelatore della sorte.
o è vita
o è morte.

*

la vita breve
di cui non ti accontenti
allunga il dolore
aguzza i suoi denti.

arminio, 29 0ttobre2012
*



Il blog di Franco Arminio "Comunità Provvisorie" arriva nelle vostre case...lle email.


Iscrivendoti accetti che i dati saranno utilizzati da Comunità Provvisorie nel rispetto dei principi di protezione della privacy stabiliti dal decreto Legislativo n. 196 del 30 giugno 2003 e dalle altre norme vigenti in materia. Accetto di ricevere questa newsletter e so che posso annullare facilmente l'iscrizione in qualsiasi momento.

Pubblicato da Arminio

Nato a Bisaccia è maestro elementare, poeta e fondatore della paesologia. Collabora con “il Manifesto”, e "il Fatto quotidiano". È animatore di battaglie civili e organizzatore di eventi culturali: Altura, Composita, Cairano 7x, il festival paesologico ""La luna e i calanchi"". Da molti anni partecipa a innumerevoli manifestazioni sulle problematiche dei territori. Recentemente ha avviato scuole di paesologia (ne ha già svolto una decina in ogni parte d’Italia). In rete è animatore del blog Comunità provvisorie. E' sposato e ha due figli.

3 pensieri riguardo “cinque poesie per una donna antica

  1. Lapidari versi densi di trasparenze. Franco ha il dono di condensare,in poche e nitide parole,la profondità del vivere.

Rispondi a Luigi Capone Annulla risposta