caseincanto, la paesologia si fa canto

Cari amici,

Tra i selezionati del bando CheFare, vi segnalo un mio progetto.

è il numero cinque tra i trentadue selezionati.

Potete votarlo e farlo votare a questo link:

http://www.che-fare.com/progetto/case-incanto
grazie

SINOSSI “CASEINCANTO”

Il progetto nasce per ridare suono ai paesi. Un paese che perde le sue impronte sonore diventa meno riconoscibile e più triste. Fino a pochi decenni fa c’erano il suono dei mestieri, il suono degli animali, il suono della comunità. Ora i vecchi mestieri sono scomparsi, gli animali sono pochissimi, la comunità non c’è più. Si parte dall’incontro in casa, perché la casa e il cibo creano il contesto giusto e intimo per l’affiorare dei canti. La comunità paesologica cantante che si crea in casa può spostarsi in altri luoghi del paese e creare intorno a sé una situazione di contagio.
Le attività contemplano passeggiate, cene e incontri tramati dai canti che possono scatuirre dalla memoria dei momenti più importanti della vita personale e del luogo. Per questo, qualsiasi reperto canoro può andare bene: filastrocche, canti popolari, canti religiosi, canzoni degli anni settanta, canzoni di oggi.

Pubblicato da Arminio

Nato a Bisaccia è maestro elementare, poeta e fondatore della paesologia. Collabora con “il Manifesto”, e "il Fatto quotidiano". È animatore di battaglie civili e organizzatore di eventi culturali: Altura, Composita, Cairano 7x, il festival paesologico ""La luna e i calanchi"". Da molti anni partecipa a innumerevoli manifestazioni sulle problematiche dei territori. Recentemente ha avviato scuole di paesologia (ne ha già svolto una decina in ogni parte d’Italia). In rete è animatore del blog Comunità provvisorie. E' sposato e ha due figli.

One thought on “caseincanto, la paesologia si fa canto

Rispondi