tre paesi

San Mango ricostruito

più che un paese sembra

un catalogo di materiali edili,

un quadro inclinato sul cavalletto,

una cosa appoggiata, senza radici.

Tante linee, tanti colori,

ma nessuna prospettiva.

 

*

 

Devo tornare a Senerchia

quando non c’è nessuno da ascoltare.

Devo tornarci con una donna

che cammina in punta di piedi

e si allontana tra le case,

cerca quelle più in alto

e lì si va a posare come un’aquila

e mi aspetta.

*

Melito è alla fine di una salita.

Piove e il pomeriggio domenicale

è finito a precipizio dentro il buio.

Il paese ha le luminarie di Natale,

ma il buio è molto vasto,

viene dal cielo e dalla terra.

Il buio è nella mia testa,

nella mia macchina

e quando esco l’unico piacere

è sentire la pioggia

che finisce in un tombino.

 

Pubblicato da Arminio

Nato a Bisaccia è maestro elementare, poeta e fondatore della paesologia. Collabora con “il Manifesto”, e "il Fatto quotidiano". È animatore di battaglie civili e organizzatore di eventi culturali: Altura, Composita, Cairano 7x, il festival paesologico ""La luna e i calanchi"". Da molti anni partecipa a innumerevoli manifestazioni sulle problematiche dei territori. Recentemente ha avviato scuole di paesologia (ne ha già svolto una decina in ogni parte d’Italia). In rete è animatore del blog Comunità provvisorie. E' sposato e ha due figli.

One thought on “tre paesi

Rispondi