La forma della città. Pier Paolo Pasolini

Un documento di grande sensibilità, e sempre attuale.



Il blog di Franco Arminio "Comunità Provvisorie" arriva nelle vostre case...lle email.


Iscrivendoti accetti che i dati saranno utilizzati da Comunità Provvisorie nel rispetto dei principi di protezione della privacy stabiliti dal decreto Legislativo n. 196 del 30 giugno 2003 e dalle altre norme vigenti in materia. Accetto di ricevere questa newsletter e so che posso annullare facilmente l'iscrizione in qualsiasi momento.

5 pensieri riguardo “La forma della città. Pier Paolo Pasolini

  1. Amici,
    nel trentennale della morte di Pasolini scrissi un poemetto che fece bei giri nelle occasioni celebrative e anche nel web.
    Adesso vedo di recuperarlo in formato Word, perchè ho l’abitudine di fare in formato pdf i miei pieghevoli offerti in dono.
    Pertanto, se a breve un redattore del nostro blog mi contatterà lo offrirò come post sperando, naturalmente, di sollecitare doverose riflessioni critiche per le problematicità dei nostri tempi frettolosi e scempiati.
    Un saluto affettuoso a tutti, vostro Gaetano.
    Attendo istruzioni e lascio la mia e-mail:= gaetanocalabrese@tin.it=

  2. Tutti i documenti audiovisivi d’epoca, con le interviste a Pasolini, col tempo assumono freschezza e grandissima attualità. Una intelligenza lucidissima, una critica che trentasette e più anni fa sembrava provocatoria e oscura , assume ora una forza straordinaria, applicata a “questo” mondo a “questa” realtà culturale, socio-antropologica. Tutto questo mi dice che PPP , ancor prima che artista e poeta, è un intellettuale “gramsciano” grandissimo e tuttora insuperato.
    Grazie per averlo riproposto. Al di là dell’inutile retorica , immancabile nei riti delle celebrazioni, dei ricordi, delle rievocazioni, questo documento qui riproposto ( e che già conoscevo), con tutti gli altri annessi, costituisce una maniera corretta, efficace, feconda per ricordarci che sono passati 36 anni da quella terribile notte all’Idroscalo.

Rispondi a francesco cataldo Annulla risposta