Per caso. di Mariella Iavarone

 

Non ho mai creduto al caso.
Sta quasi disteso su di un fianco, come
appena caduto. Intorno, si affollano a sollevarlo. Forse.
Dorme ad occhi
aperti, questo lo so.
Io e i begli occhi aperti di Endimione il pastore, tra i
virtuosi resti. Siamo compaesani io e chi dorme ad occhi aperti. Non credo al
caso.
Mentre c’è chi dorme ad occhi aperti io sto con la mia insonnia, che a
sua volta sta severa. Ripenso spesso ad Endimione e al suo soggiorno tra le mie
vie. Qui si dorme ad occhi aperti e la natura non si rinnega. Non so se si
sogni ancora, ma ho visto qualcuno dormire imbambolato con gli occhi a scatto.
Si chiama civile convivenza.
Non conosco il mio paese, in realtà. Se una voce
mi ricorda che lo uso per dormire, rispondo: – Cinismo beffardo! –
Conosco le
strade, tutte, con grande indifferenza. Poche prospettive, così poche che a
volte mi sorprendo e meraviglio di palazzi scorti all’improvviso. Però, so che
io non dormo e neanche le strade. Il paese non dorme, lo sento mentre guardo,
la notte dalla mia finestra, i tetti tutti diversi e pure oltre. E i campanili
delle chiese davanti alle mie tende schierati e una banderuola col vento
perenne. Forse fa finta di essere sveglio. Forse voglio io che sia sveglio e
lui, per creanza, mi spalanca occhi di sonno solo per simpatia. Endimione è
sveglio per creanza, è sveglio per rispetto, per venerazione, per gratitudine,
per ufficio, ma dorme da dentro. Puoi scuoterlo, stenderlo, capovolgerlo e
forse annuirà con la testa, forse risponderà dal sonno lontano, forse dirà i
sogni ad occhi aperti che non si sanno piu’ al risveglio.
Oppure finge.

Spalanca gli occhi ma sta altrove; ti guarda e pensa ad altro.
Resiste, in
fondo. Nonostante tutto, si resiste. Io resisto all’insonnia, sfido il sonno,
resisto al lavoro, ascolto e penso ad altro. Come il mio intorno, come qui,
come Endimione.
Quando guardo dalla finestra è come guardare un addormentato di
cui non scorgo lo sguardo, abbandonato a sé. Non mente: dorme. O finge di
dormire. S’abbandona nel sonno soffice. Inganna Endimione, si rivolge ad altro.
Tu guardi lì, in faccia al pastore, nella convergenza del tuo sonno, e da
lontano ecco una presenza che finge d’essere sveglia. O finge di dormire.
Ma,
insomma, un paese che finge di dormire…

Mariella Iavarone

Opera di Osvaldo Licini


Il blog di Franco Arminio "Comunità Provvisorie" arriva nelle vostre case...lle email.


Iscrivendoti accetti che i dati saranno utilizzati da Comunità Provvisorie nel rispetto dei principi di protezione della privacy stabiliti dal decreto Legislativo n. 196 del 30 giugno 2003 e dalle altre norme vigenti in materia. Accetto di ricevere questa newsletter e so che posso annullare facilmente l'iscrizione in qualsiasi momento.

Rispondi