La paura

Non sappiamo quando
è cominciato questo mite, tragico inverno.
Mai vista così immiserita
la gioia
e mitemente squallida
ogni sera
dove nessuno tiene a fianco nulla.
Penso a chi numera più volte la sua febbre.
Penso a chi muore senza testimoni del suo ultimo respiro.
Di molte dolcezze è avara
la stagione,
di nessun futuro è certa.
La nostra città natale
è la paura.

Franco Arminio (01.03.2020)



Il blog di Franco Arminio "Comunità Provvisorie" arriva nelle vostre case...lle email.


Iscrivendoti accetti che i dati saranno utilizzati da Comunità Provvisorie nel rispetto dei principi di protezione della privacy stabiliti dal decreto Legislativo n. 196 del 30 giugno 2003 e dalle altre norme vigenti in materia. Accetto di ricevere questa newsletter e so che posso annullare facilmente l'iscrizione in qualsiasi momento.

Rispondi