cartoline paesologiche

Franco Arminio ha vinto il Premio Stephen Dedalus 2011, categoria Narrativa/Altre scritture, con il libro Cartoline dai morti

Lo ha annunciato oggi la giuria composta da dai coordinatori delle classifiche di qualità (Alberto Casadei, Andrea Cortellessa e Guido Mazzoni) e dai vincitori della passata edizione (Marco Belpoliti, Mario Benedetti e Laura Pugno).



Il blog di Franco Arminio "Comunità Provvisorie" arriva nelle vostre case...lle email.


Iscrivendoti accetti che i dati saranno utilizzati da Comunità Provvisorie nel rispetto dei principi di protezione della privacy stabiliti dal decreto Legislativo n. 196 del 30 giugno 2003 e dalle altre norme vigenti in materia. Accetto di ricevere questa newsletter e so che posso annullare facilmente l'iscrizione in qualsiasi momento.

18 pensieri riguardo “cartoline paesologiche

  1. una cartolinea inedita

    A casa mia, dopo una sudata. Mio nipote è stato il primo che si è accorto che avevo cambiato colore. Adesso sono al buio dentro la bara, con l’aria che c’era quando l’hanno chiusa.

  2. una cartolina edita

    Mi dispiace per te, ho detto a mia moglie che mi stringeva le mani. Nessuno quando stiamo bene ci stringe le mani in questo modo, nessuno.

  3. la tua fulminante scrittura arriva ai confini dell’italico suolo, con l’augurio che possa anche varcarlo.
    bene bravo bis

  4. Felicissimo per questo meritatissimo premio, propongo di fare una festa incontro delle comunità provvisorie a Bisaccia o dove volete entro la setimana successiva al 15 agosto cosa ne dice la comunità???

  5. Dopo aver letto Cartoline dai morti (tutto d’un fiato ….) ho capito subito che era un libro “vincente”. Questo premio è soltanto il suggello logico e naturale.
    Vedi caro Franco che quando ci sembra che tutto vada male esce sempre un raggio di sole ? Complimenti di cuore !

  6. caro pasquale il 12 ad aquilonia decideremo un pò di cose e magari riflettiamo anche sulla tua idea. intanto facci sapere dove suoni e quando. il blog serve anche a questo. non c’è niente di male a illustrare cosa stiamo facendo.

Rispondi a Mauro Orlando Annulla risposta