Mangianeve

UNA POESIA INEDITA DAL LIBRO IN LAVORAZIONE “GLI SCORPIONI DELLE LANGHE”
Tiziano Fratus
.
.
Ficcava le mani fin dove poteva,
spingeva, con rabbia, dentro:
i vicini giravano sempre la testa
da un’altra parte, mentre i bambini
puntavano le dita sbraitando.

Un giorno smise di chiudere la bocca.
Ibernato nel bianco, da lontano
sembrava un haiku.



Il blog di Franco Arminio "Comunità Provvisorie" arriva nelle vostre case...lle email.


Iscrivendoti accetti che i dati saranno utilizzati da Comunità Provvisorie nel rispetto dei principi di protezione della privacy stabiliti dal decreto Legislativo n. 196 del 30 giugno 2003 e dalle altre norme vigenti in materia. Accetto di ricevere questa newsletter e so che posso annullare facilmente l'iscrizione in qualsiasi momento.

4 pensieri riguardo “Mangianeve

Rispondi