paesologia e poesia

 …la paesologia  in fondo non è una forma poetica,esistenziale e pratica di guardare  il mondo naturale,le cose e gli uomini?

mariangela gualtieri e franco arminio
a s. angelo dei lombardi  (av)
domenica 23 settembre  ore 18

….Io parlo all’amore. Lo scortico dall’incrosto
nel sogno e ne faccio musica storta
ne faccio delicato vento che solleva o dondola
e impollina al cuore. Alla scomposta
mente, impollina l’occhio con l’occhio
l’occhio con l’animale e viene il bello
che ci sviva, ci sviva tutti. Di più…..

Come non amare la scrittura di Mariangela Gualtieri, la registrazione rapsodica e, a tratti, delirante, della sua emotività tagliente, del suo flusso emotiv…o corrosivo, della sua coscienza pura, verginale, volta a cogliere le limpide corrispondenze tra l’essenza dei suoi stati d’animo e il mondo che attorno le si agita.
L’ interesse, poi, si accresce se si considera la destinazione teatrale delle sue costruzioni in versi: gli spettacoli del Teatro della Valdoca, fondato dalla stessa Gualtieri, insieme a Cesare Ronconi, nel 1983, sono frutto dell’agitarsi perpetuo della creatività visionaria e dirompente della scrittrice di Cesena, le costruzioni delle scene e le azioni degli attori acquistano sostanza grazie la parola sorgiva e istintiva della stessa.
è uscito, in questo 2003, per Einaudi, una raccolta di versi , Fuoco Centrale ( e altre poesie per il teatro), curata dalla stessa autrice, dalla quale parto per poter cogliere gli elementi di profonda originalità del suo poetare.



Il blog di Franco Arminio "Comunità Provvisorie" arriva nelle vostre case...lle email.


Iscrivendoti accetti che i dati saranno utilizzati da Comunità Provvisorie nel rispetto dei principi di protezione della privacy stabiliti dal decreto Legislativo n. 196 del 30 giugno 2003 e dalle altre norme vigenti in materia. Accetto di ricevere questa newsletter e so che posso annullare facilmente l'iscrizione in qualsiasi momento.

2 pensieri riguardo “paesologia e poesia

  1. ero incerto se partire con i testi legati al teatro ma poi ascoltandola in una intervista ho preferito leggerla dopo il suo passaggio alla scrittura senza destinazione d’uso teatrale. e quindi ”senza polvere senza peso” e ”gioia di bestia”. la prima lettura è ansiogena, la passione e il piacere della scoperta mi fanno leggere troppo in fretta. a breve approderò alla seconda lettura. mi odio perche già so che non potrò essere a bisaccia domenica prossima. arrivo a voi da letture parallele senza sapere che l’uno si avvicinava alla’altra o viceversa e scopro che potrei ascoltarvi fisicamente e non ci sarò. mi odio. vi ammiro.

  2. “..dev’essere vero quel perdersi…”

    -grande attrazione mi fa questa donna-
    è s’angelo-no bisaccia- domenica- se trovo compagnia vengo

Rispondi