il museo dell’aria e altri sogni

avevamo inventato il museo dell’aria.

niente da fare.

va bene l’aria, non il suo museo.

volevamo dare occhi d’infanzia

al paese.

niente da fare.

vanno bene gli occhi, ma devono essere

ciechi.

abbiamo creduto a una festa

che ci facesse leggere poesie

in un cimitero.

niente da fare.

va bene il cimitero, non le poesie.

avevamo l’idea di non consumare

la cultura, ma di mischiarla

alle cicorie, agli intonaci dei muri.

niente da fare.

va bene la cultura, purché

non ci sia.

crediamo al silenzio, al vento, al buio

alla nascita provvisoria, alla morte

senza fine.

niente da fare.

hanno trafugato le rose

buttando via le spine.

franco arminio, 2-08-2011

4 pensieri riguardo “il museo dell’aria e altri sogni

  1. questa dei “solisti” l’ho letto qualche parte.Sarebbe bene chiarire tutti retropensieri prima di ripartire con spirito antico ma rinnovato non si chiede unanimismo ma condivisione egenerosità……

Rispondi