Le cose messe in fila (quartiere)

 

scendono dalle proprie case

nello stesso momento

nel deserto la sabbia si solleva

facendo saltellare nell’aria

piccoli insetti nomadi

giunti al garage aprono la portiera

su di un isola nello stesso momento

esce dal sonno la testuggine

a piccoli passi suggella

il tracciato del rischio e della fortuna

attraversano la strada per conquistare l’ufficio

nel cratere montuoso l’incendio di magma e pietre

che uscendo segna relitti nel fiume

di pietra le radici

lascia il fuoco nella iride dell’abitante solo

negli uffici fanno sempre le stesse cose

nella piana ancora verde il contadino sterra

una ruota gira enorme

Dio è scomparso dalle mappe.

Antonio D’Agostino



Il blog di Franco Arminio "Comunità Provvisorie" arriva nelle vostre case...lle email.


Iscrivendoti accetti che i dati saranno utilizzati da Comunità Provvisorie nel rispetto dei principi di protezione della privacy stabiliti dal decreto Legislativo n. 196 del 30 giugno 2003 e dalle altre norme vigenti in materia. Accetto di ricevere questa newsletter e so che posso annullare facilmente l'iscrizione in qualsiasi momento.

One thought on “Le cose messe in fila (quartiere)

Rispondi