TERRACARNE, note dalla puglia

metto qui il testo che ha letto vittorino curci in occasione della presentazione del libro alla feltrinelli di bari. il prossimo appuntamento è per venerdì prossimo alla feltrinelli di napoli. l’incontro coi comunitari per discutere di carbonaria è previsto per il primo novembre.  Sui giornali della settimana scorsa ho letto la motivazione con cui l’AccademiaContinua a leggere “TERRACARNE, note dalla puglia”

Arischia: un’anima semplice ma pratica.

di Alessandro Chiappanuvoli È una fredda mattinata, anche se il sole riscalda ancora. L’autunno è arrivato. La seconda corrispondenza aquilana mi porta ad Arischia, paese di 2000 anime che sorge nella vallata ovest della città, sull’antica via Caecilia, storico snodo, aggirando il Gran Sasso dal versante meridionale, per raggiungere l’Adriatico. Pur essendo a 15 kmContinua a leggere “Arischia: un’anima semplice ma pratica.”

Un paese (appunti per un’ossessione)

di Antonio D’Agostino Il luogo in cui si nasce è un ossessione . Una ferita aperta quando ti allontani e sei a corto di familiarità ; lontano dal quel “perimetro di sicurezza” che se da una parte ti conforta , dall’altra ti annienta . Ho sempre cercato di sradicare da me le radici . QuelleContinua a leggere “Un paese (appunti per un’ossessione)”

Passaggio notturno a Monteverde

La paesologia è una scienza mattutina. Al massimo pomeridiana. Di sicuro non è una scienza notturna. La sera tardi non ci sono vecchi in giro. È chiuso il Comune, è chiuso il cimitero, sono chiuse le salumerie. E sono chiuse anche le poche case aperte la mattina. Il paese che sto visitando in notturna èContinua a leggere “Passaggio notturno a Monteverde”